ISCRIVITI AD ASSIREM

Assirem è un'Associazione affiliata

icona documento pdf

Cefalea e Sonno

Cefalea e Sonno

La reciprocità con cui disturbi del sonno e cefalea (così come altre sindromi dolorose) si intersecano nel paziente cefalalgico, rappresenta un interessante oggetto di discussione, poiché il miglioramento del dolore, e della cefalea in particolare, può senz’altro contribuire al miglioramento del sonno e, viceversa, una adeguata igiene del sonno garantisce una riduzione della disabilita’ cefalalgica, soprattutto in quelle forme in cui la deprivazione/frammentazione del sonno notturno rappresentano fattori tipicamente favorenti la cefalea. In tal caso la cefalea deve considerarsi come secondaria. E’ noto che soggetti con disordini del sonno e non cefalalgici, tendono a sviluppare sindromi cefalalgiche nel lungo periodo.

Le possibili relazioni tra cefalee e sonno possono essere classificate come segue: cefalee correlate al sonno e alle sue fasi (insorgono durante la notte o al risveglio); cefalee legate alla durata del sonno; cefalee alleviate dal sonno; cefalee associate a disturbi del sonno; cefalee che provocano disturbi del sonno.

La coesistenza di disturbi d’ansia o dell’umore che spesso sottendono la cefalea di tipo tensivo e che sono fattori che alterano i ritmi fisiologici del sonno, devono essere adeguatamente valutati in presenza di cefalea. È pur vero che l’insonnia rappresenta un sintomo cardine della depressione e pertanto la valutazione di questa deve rappresentare uno dei cardini dell’indagine clinica del paziente con cefalea. Rientrano in tale ambito le cefalee croniche secondarie a trauma cranico o come parte della sindrome da stress post-traumatico (post-traumatic stress disorder, PTSD).

Le sindromi emicraniche sono variamente associate a disturbi del sonno, ma senz’altro è noto che la deprivazione di sonno, o meglio, lo shifting dell’orario di addormentamento e quindi di risveglio al mattino, condizionano l’insorgenza di episodi emicranici, così come la cefalea del risveglio (early morning headache) è più frequente nei pazienti con emicrania. Nel bambino, gli episodi di emicrania tendono a risolversi con il sonno (sia notturno che diurno). È noto che negli emicranici prevalgono, rispetto alla popolazione generale, disturbi quali parasonnie, sonnambulismo, enuresi, pavor nocturnus, sonnolenza diurna e sindrome delle gambe senza riposo. Nelle famiglie di soggetti emicranici è frequente il riscontro di sonno poco ristoratore, difficoltà di addormentamento, persistenza di incubi ad esordio infantile.

Due forme di cefalea primaria, la cefalea ipnica, ad esordio esclusivo durante il sonno notturno, e la cefalea a grappolo, che si presenta con episodi notturni e diurni, condividono un possibile luogo anatomico-funzionale, l’ipotalamo, in cui un dis-equilibrio intrinseco, intimamente connesso con aree cerebrali correlate al sonno, potrebbe rappresentare il timer dell’insorgenza degli episodi dolorosi e della loro ritmicità circadiana. È interessante la notazione che, soggetti con cefalea a grappolo episodica (periodica nel corso dell’anno), presentano nei giorni e nelle settimane precedenti il periodo attivo di cefalea, disturbi del sonno ingravescenti.

La cefalea quale sintomo di altra patologia correlata al sonno, e’ spesso presente in soggetti con sindrome delle apnee notturne. Pertanto, il sintomo sentinella di una cefalea apparentemente aspecifica, deve sempre autorizzare un adeguato monitoraggio e controllo di fattori di rischio per apnee notturne che, a loro volta, rappresentano un fattore di rischio per patologie cardio-cerebro-vascolari.

La classificazione internazionale delle cefalee e delle algie del capo (ICHD-IIIR) rappresenta un utile strumento per orientarsi tra le diverse forme di cefalee primarie e secondarie, queste ultime da attribuire a patologie locali e/o sistemiche, tra le quali risiedono a buon diritto i disturbi del sonno primari o, a sua volta, secondari.

Maria Gabriella Buzzi

Neurologa
Responsabile Ambulatorio per la Diagnosi e Cura delle Cefalee
Presidente Comitato Ospedale Senza Dolore
IRCCS Fondazione Santa Lucia, Roma.

Categorie

Categorie