Presentazioni - ASSIREM

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sonno nell'Arte > Letteratura





                
Una suggestiva, e originale, traduzione figurativa dell’immaginario letterario pirandelliano.
Una vecchia casa polverosa. Sulla mensola del camino una grande tela del 1600, con la Maddalena in penitenza, il seno scoperto, che s’infiamma di sensualità al caldo lume di una lucerna. Il protagonista non è il proprietario del quadro perché con la casa ebbe tutto ciò che essa contiene - tanti anni prima in garanzia di un vecchio debito. Ma un uomo, presentatogli da un antiquario, vuole acquistare quel quadro a ogni costo e si agita al vederlo. L'uomo spiega che la moglie appena defunta somiglia così tanto a quella Maddalena, che lui non può tollerare che un altro uomo possa vederla nuda. Tanto e' impressionato dalle reazioni del vedovo, che il protagonista sogna la donna la notte stessa e la vede venir fuori dal quadro e amoreggiare con il marito. Il sogno è così intenso che al risveglio egli ha ancora l'impressione di vedere il vedovo scappar via e la Maddalena seguirlo con lo sguardo. Fugge terrorizzato dalla casa, e si precipita dal vedovo deciso a liberarsi del quadro e lo trova con quello stesso pigiama a righe che indossava nel suo sogno. “Ispirazione notturna” e “psicologia misteriosa”, colte dalle visionarie illustrazioni di Michele Rocchetti attraverso richiami surrealisti, trame futuriste e composizioni vicine al cubismo di De Chirico.


I pregi di questo libro sono molti, troppi da descrivere in questo contesto. L'occasione e' l'anno internazionale della luce, ma si tratta di una "galoppata" nella fisica nello stile divulgativo anglosassone: discorsivo nella lettura, preciso scientificamente e dettagliato sugli argomenti e sui protagonisti, appassionato al tema.. Scalda il cuore (almeno il mio) sapere che c'e' almeno un italiano, per di piu' un giornalista, in grado di farlo. Per un'altro miracolo le notizie riportate sono aggiornate, letteralmente a ieri.

Per quanto riguarda in particolare il sonno, a pag.55 inizia il paragrafo Questione di ritmo (circadiano), seguito da Orologi biologici, Il terzo occhio e la visione cieca, Nati per i cieli azzurri, La luce del buon umore, Luce per uscire dal coma. 15 pagg. in tutto.
Consiglierei poi a pag.308 Luce sul mondo nano, per una ispirazione di quello che potrebbero essere in materiale della camera da letto.
A pag. 346 ci riguarda il paragrafo Luce che inquina ed i seguenti sino a Luce dannosa, altre 10 pagine.

Un bel punto di riferimento, una "asticella alta" per i tanti che scrivono di scienza, un libro da consultazione per qualsiasi biblioteca personale.
Novak Djokovic descrive il suo stile di vita e di allenamento. La parte principale e' concentrata sulla scoperta della sua intolleranza al glutine e come l'alimentazione ha fatto la differenza tra essere uno dei migliori e diventare IL migliore. A pag.102 della versione italiana c'e un capitolo intitolato "La parte migliore della mia giornata.."... e' la notte. Viene descritto in poche pagine quello che ha imparato, dovendo essere sempre riposato malgrado gli spostamenti in giro per il mondo. 

Poche regole adattate al suo stile di vita e alle necessita' del suo lavoro: seguire una routine, niente caffeina, relax prima di andare a dormire, isolamento da luci e rumori, rimanere a letto se ci si sveglia in anticipo, melatonina al bisogno, luce del sole appena alzati. Lettura scorrevole e istruttiva!
Falsi Dei 
di Francesco Troccoli
Scrittore

La lotta continua: sotto le insegne dello Stato Libero di Haddaiko, la nave spaziale Hebron è diretta verso un lontano sistema ai confini della Galassia. A bordo, a fianco del Presidente Hobbes, Tobruk Ramarren è a capo di un Corpo di Spedizione di “dormienti”, in stato di ibernazione, che avrà il compito di insegnare il sonno alla popolazione indigena. Ma un’inspiegabile contaminazione e un attacco improvviso costringono la nave alla deriva, scagliandola in un pianeta ignoto e dimenticato. Sulla superficie del Nuovo Mondo, il Corpo si imbatterà in primitive popolazioni oppresse dal terrore degli Dèi che lo dominano dal sottosuolo. È molto alto il prezzo che Tobruk Ramarren dovrà pagare per scoprire la verità della storia umana.
    
Futuro remoto: l'umanità ha smarrito le basi della sua stessa natura. Due vecchi commilitoni si ritrovano, nemici. Il primo, Tobruk Ramarren, è una ignara pedina di un potere occulto; il secondo, seguendo un'antica intuizione, si ribella a quella che sembra l'unica vita possibile. Nelle viscere di un piccolo pianeta minerario ai confini dell'Alleanza il protagonista s'imbatterà in una sorprendente comunità di reietti, custodi del segreto che li rende liberi. Lo scontro tra i Dominatori e lo sparuto gruppo di rivoluzionari è inevitabile, così come la sorpresa di Tobruk Ramarren di fronte alla scoperta che gli cambierà la vita. Una sorprendente visione di un possibile futuro della civiltà del nostro tempo, e di una ribellione che scaturisce dalla natura più segreta e preziosa dell'essere umano.


Una donna di circa trent’anni un giorno si accorge di non poter più dormire, di non averne bisogno, anzi, nota che la sua forma fisica è migliorata dopo tre settimane insonni. È strano, sconvolge ogni regola, si sa che senza sonno si va incontro alla morte, che i più fini ed efferati torturatori sceglievano l’insonnia forzata per dare una morte atroce ai torturati resi folli dal desiderio inappagato di dormire. Eppure a questa donna senza nome tutto ciò non accade: per lei il sonno negato non è una tortura, diventa uno spazio di vita soltanto suo all’interno del quale può dedicarsi a se stessa.


Il "caso Henry Roth" è forse l'unico nella letteratura del Novecento. Nel 1934 "Chiamalo sonno", opera prima di uno sconosciuto newyorkese di ventotto anni, fu salutato dalla critica come un capolavoro. Poi l'oblio. Roth si ritirò nel Maine ad allevare anatre, e per decenni il suo silenzio è stato interrotto solo da qualche raro racconto. Nel 1960 alcuni critici influenti promossero la ristampa del suo romanzo e rapidamente, nel giro di pochissimi anni, "Chiamalo sonno" ha superato i due milioni di copie e oggi è considerato unanimamente un classico, uno dei massimi risultati della letteratura del secolo, non solo statunitense.


 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu